lunedì 7 novembre 2011

Fiducia (non quella del governo)

Vi racconto un piccolo episodio che non sorprende più di tanto qui a Maui, ma che per chi, come me, è abituato a come funzionano le cose nelle grandi città o comunque nel 95% dei casi sul nostro pianeta, ha dell'incredibile.
La mia famiglia ha programmato un viaggio alle Hawaii a Natale e io sto dando una mano per l'organizzazione del viaggio, alloggio, aereo...etc.. (una mano senza portafoglio).
Surfando qua e là in internet  ho individuato una bella sistemazione, ocean front, per 3 persone in un condo a pochi minuti da dove vivo.
Chiamo gli uffici addetti e mi risponde una gentile signora alla quale chiedo se fosse possibile dare un'occhiata all'apparamento prima di finalizzare la prenotazione.
Lei mi dice, ''si certo, vieni presso gli uffici e ti diamo le chiavi''.
Ora, voi cosa avreste pensato? OK, arrivo, mi accolgono, magari mi fanno compilare un modulo, lasciare la carta d'identità e mi accompagnano a visionare l'appartamento.
Premetto che non mi avevano mai visto prima e non avevano alcuna referenza.
Bè, entro negli uffici, la tipa mi saluta, mi porge le chiavi, mi da le direzioni per raggiungere il posto e ....here you go!  Nessun modulo, nessuno che mia accompagni, nessun documento o carta di credito in cauzione.
Ora io sono bravo e buono, ma mettiamo che non lo fossi stato, avrei potuto:
1) Distruggere l'appartamento
2) Rubare tutto
3) Duplicare le chiavi e dormirci quando è vuoto
4)  etc..etc..

e poi scomparire....
Certo, scomparire a Maui è complicato, ma non è impossibile...
Naturalmente, io ho visto l'appartamento, era bellissimo, sono tornato indietro e ho fatto la prenotazione.

Ma la cosa che incanta è che qui spesso è proprio escluso il concetto di criminalità o vandalismo. Le persone si fidano. Se tu ti fidi di me, io faccio di tutto per ripagare e meritare la tua fiducia.
E' stato tutto molto più semplice, l'impiegata non ha perso tempo con me e io ho potuto guardare l'appartamento in tranquillità.
La fiducia è data per scontata, le buone intenzioni sono la norma, non vanno provate.
E' un peccato che invece nella stragrande maggioranza dei casi, la fiducia va guadagnata sul campo, invece che assunta come punto di partenza.
Ma tant'è.
W le Hawaii.
Aloha

14 commenti:

  1. anche qui in california e' cosi' (magari non cosi' tanto, ma quasi), e anche io ogni tanto mi sorprendo di questo trust system.. che pero' funziona :-)
    (tipo fare gli esami a matita.... )

    RispondiElimina
  2. Quasi come qui, nell'accogliente Milano...

    RispondiElimina
  3. a proposito di esami a matita, io qui per esempio ho sostenuto l'esame teorico di guida senza nessuno che controllasse nulla...e l'ho passato in modo assolutamente onesto! fantastico.

    RispondiElimina
  4. :) sono piccole belle cose
    anche io ho notato questo sistema di straordinaria fiducia. E sto cominciando ad abbandonare la mia atavica diffidenza.
    ecco però il mac sul tavolo mentre vado in bagno da starbucks ancora non l'ho lasciato

    RispondiElimina
  5. ottima idea, il mac portalo con te!

    RispondiElimina
  6. TARA la mia terra!15 novembre 2011 09:20

    ciao, bentrovato... proprio come a Roma. Io anche se in grandi e rispettabilissime agenzie internazionali, dovevo chiedere a chiave il cassetto della cassettiera con la borsa schiacciata dentro. La volta che l'ho lasciato aperto mi hanno rubato la macchinetta digitale nuova. Che amarezza!
    però essere tornata aRoma da Londra già mi riempie il cuore di gioia...siamo a metà novembre, c'è sempre sole e ancora fa caldo. E la gente non ha bisogno di ubriacarsi al pub per fare due chiacchiere :)

    RispondiElimina
  7. sono d'accordo...non si capisce perchè in europa quanto più si va su, quanto più la gente butta giù alcool!

    RispondiElimina
  8. ma e' vero che li' c'e' un altissimo numero di ragazze madri, ubriachi e persone dipendenti dalle droghe? leggevo da qualche parte che e' il lugo con maggior concentrazione di gente soggetta a dipendenze
    , ci fai sape?

    RispondiElimina
  9. ciao anonimo,
    non ho la più pallida idea del dato statistico, ma certamente c'è un problema di droghe leggere e alcool. questo naturalmente non significa che in giro vedi gente ''fatta'' a ogni angolo della strada, gli abitanti delle Hawaii sono anzi straordinariamente cortesi ad affabili, se non si invade il loro territorio.
    quello delle dipendenze purtroppo è un problea comune a molti popoli che vivono un pò isolati. Senza allontanarsi troppo da casa nostra, basti pensare alla concentrazione di alcolizzati e suicidi che ci sono nei Paesi del Nord Europa, dove la densità abitativa è molto bassa e la gente vive un problema di solitudine.

    RispondiElimina
  10. Che bella cosa!
    Vado alle Hawaii tra 3 settimane e sto cercando un alloggio.
    Posso chiederti il link dell'alloggio di cui parli?
    Se ti fa piacere, su fb trovi la mia pagina Anima Nomade e la mia mail à : animanomade @ mail . com

    Un saluto

    Sergio

    RispondiElimina
  11. ciao anonimo, per motivi che non ricordo mi sono ora reso conto che non ti ho mai risposto. mi dispiace e spero che tu abbia comunque trovato un ottima sistemazione a Maui

    RispondiElimina
  12. Ciao Alex,
    Anche io sto programmando il mio primo viaggio a Maui, partirò sola e conto di passare li un mesetto abbondante, posso chiederti i riferimenti di quell'alloggio?

    Grazie,
    Veronica

    RispondiElimina
  13. Ciao Veronica,
    questo è il sito, ma considera che parliamo di condo fatti per ospitare famiglie.
    non so quale è il tuo budget, ma per stare li ci vorranno facilmente 5000 dollari al mese o più

    RispondiElimina
  14. ecco il sito

    http://www.quamproperties.com

    RispondiElimina